SPORT: Anni 50 – Sori 2 – 1 (Campionato UISP del Lavoratore)

E' stata una bella partita quella fra Anni 50 e Sori.

Due compagini di alto livello che si sono affrontate a viso aperto e risoltasi sul filo di lana a favore dei Campioni in carica del campionato UISP del Lavoratore.

E’ il Sori a partire deciso chiudendo in mezzo al campo tutti gli spazi agli avversari, offrendo un bel calcio giocato in scambi veloci in orizzontale e rapide verticalizzazioni.

Volpe (ex Entella) e playmaker degli Anni 50 stenta ad organizzare la manovra dei suoi e si trova spesso ingabbiato nelle maglie del centrocampo, schierato a 5, del Sori.

Trovano così la via della porta, con tiri dal limite parati dal portiere Cancellara , prima Clary, poi Descalzo e poi persino il difensore Bellini.

Gli Anni 50 stentano e solo al 26° minuto del primo tempo trovano il tiro con Perna, di poco a lato.

Pagani del Sori rimane quasi inoperoso, fino a quando poco dopo deve sventare in angolo un tiro ravvicinato di Molinaro.

Ma è il Sori a passare in vantaggio col classico goal di rapina di Laudisi che ruba palla al portiere lanciatosi in un dribbling assurdo al limite dell’area.

Cancellara paga caro l’errore. Finisce così il primo tempo, che ha visto la squadra di Pellegatta disposta molto bene e farla da padrona in mezzo al campo.

Inizia il secondo tempo e gli Anni 50 cominciano a premere.

Le parti sembrano invertite, sono gli Anni 50 ora a far girare la palla costringendo il Sori a stare a guardare.

Verticalizzazioni improvvise portano Finelli a tu per tu con Pagani, che para con sicurezza un tiro ravvicinato.

E’ il preludio al pareggio.

Molinaro va sul fondo in una delle sue solite serpentine, mette rasoterra al centro dell’area da dove al volo Finelli insacca perentoriamente. 1 – 1 e partita riaperta.

Continua la pressione degli Anni 50.

Il centrocampo del Sori arretra pericolosamente. Qualcuno è in debito di ossigeno e si vede.

Molinaro si trova da pochi passi a colpire di testa… alto! Clamorosa occasione sprecata.

Pellegatta avverte che bisogna inserire forze fresche e piano piano richiama in panchina i giocatori più in difficoltà.

La partita ritorna equilibrata tanto che Laudisi lanciato a rete in area viene fermato con una spinta in maniera vistosamente irregolare.

L’arbitro tuttavia fa proseguire. Gli Anni 50 hanno il merito di crederci di più e si vede.

Premono il Sori ma falliscono alcune grandi occasioni con Aroi e Molinaro prima, e poi con Balboni (ex Sestrese subentrato nel frattempo a Perna ) su punizione e Volpe, con Pagani sempre attento in porta a parare con decisione.

Anche il Sori dal canto suo non si arrende e si rende pericoloso col solito Laudisi, che ha sul piede l’occasione forse più nitida e clamorosa per chiudere la partita, ma, a tu per tu col portiere, l’attaccante si fa ipnotizzare facendosi deviare la palla in angolo da Cancellara, che si fa così perdonare dai suoi compagni l’errore iniziale.

Poteva essere il goal decisivo. Come poteva esserlo anche il tiro successivo sul corner susseguente dello stesso attaccante che al volo sfiora il palo.

L’arbitro ha già concesso i 5 minuti di recupero.

Le due squadre decise entrambe a vincere si sfidano a viso aperto fino alla fine.

E’ Volpe a risolvere la partita dopo un batti e ribatti del Sori, calciando libero in mezzo all’area il pallone alle spalle di Pagani.

L’arbitro convalida il goal e fischia contestualmente il termine delle ostilità senza neanche arrivare a mettere il pallone nel cerchio di centrocampo.

Merito degli Anni 50 non aver mai mollato ed averci creduto fino in fondo.

Peccato per il Sori che trovatosi in vantaggio non è riuscito a portare a casa almeno un punto che tutto sommato avrebbe meritato.

Ora dopo la quarta sconfitta consecutiva si trova invischiato in fondo alla classifica.

Negli altri scontri della giornata l’Italbroker ha liquidato con un secco 3 a 0 anche la seconda in classifica, l’AF Calcio, che venerdì prossimo sarà avversaria proprio del Sori in quel di Recco.

Guida così la classifica indisturbata con 13 punti, dopo 6 vittorie ed un solo pareggio nei 7 incontri disputati fino ad oggi.

Il Sori ha dimostrato carattere e volontà, ma scarsa preparazione fisica, cedendo metri preziosi nel secondo tempo agli avversari.

Spetterà al mister Pellegatta trovare soluzioni al momento attuale un po’ negativo.

Le qualità sue ed a disposizione non gli mancano.

Pagelle Anni 50: Cancellara 6 ½, , Avellino 5 ½ (Di Gennaro SV) , Damonte 5 ½ (Santeusanio SV) , Romeo 6 (Longino 5 ½ ), Calvillo 5, Volpe 7, Molinaro 7, Perna 6 ½ (Balboni SV), Mantero 6, Finelli 7, Aloi 7 All. Balbi 7

Sori: Pagani 7, Badaracco 7, Bellini 6½ , Capurro 7, Di Stasi 6 (Castagnola 6), Descalzo 6 ½ (Bonsignore SV), Scandiani 6, Serra 5½ (Ingenito SV), Guelfo 6 (Fazzi 5), Clary 6 (Vanola SV) All. Pellegatta 7

CR

continua a seguirci con un mi piace
0

Lascia un commento

aiutaci condividendo con i tuo amici le news più fashion

Facebook
Twitter
LINKEDIN
Google+
http://www.lookonfashion.com/sport-anni-50-sori-2-1">
RSS
Follow by Email